Regola dogmatica, genesi di libertà

padova1

PAGINA FACEBOOK TAGLIATELLE IN PIEDI

Ragioniamo: un anno fa c’erano molte associazioni, chi contro e chi a favore delle unioni omosessuali. Gruppi un po’ divisi ed un po’ uniti, combattevano per il riconoscimento dei propri diritti attraverso burocrazia ed ogni tanto un Pride cittadino. Lo Stato andava avanti e si sapeva che prima o poi i matrimoni omosessuali sarebbero divenuti realtà. Tutto tranquillo, tutto pacifico, tutti in attesa di un’Italia che si sarebbe omologata al resto d’Europa.

Poi sono arrivate le sentinelle in piedi e qualcosa è cambiato. Teoricamente sarebbero state le loro idee a difesa della famiglia tradizionale a trovare spessore nel tessuto sociale, ma in pratica sta avvenendo l’esatto opposto.

Le contro-manifestazioni a favore dell’amore libero e senza pregiudizi si sono scatenante, molti amministratori si sono conosciuti edparma hanno unito le forze e le masse.

Grazie alle sentinelle in piedi moltissime città ci sono risvegliate, le strade solitamente riempite da coppiette mangia-gelato e signorotti guarda-vetrine sono state occupate da colori, sapori, voglia di vivere e di amare.

Sono fra gli amministratori delle Tagliatelle in Piedi. Nelle settimane antecedenti il 23 maggio io ed i miei collaboratori abbiamo ricevuto richieste di aiuto da tutto lo stivale. Tutti noi lavoriamo e studiamo, abbiamo una vita e ci occupiamo di eventi pastafariani nei ritagli di tempo. Siamo però riusciti a creare manifestazioni in molteverona2 città, ma la fatica è stata tanta.

Sottolineo che tutti noi della Chiesa Pastafariana Italiana siamo persone intelligenti e “in gamba”, chi ci ha conosciuto può testimoniare.

Quindi mi chiedo: come possono le sentinelle aver organizzato cento ritrovi (quasi) contemporanei in cento diverse città italiane? Ovviamente non sono solo volontari, qualcuno sotto di loro deve esistere per forza, qualcuno bene2di pagato ci deve lavorare, perché un’organizzazione del genere dedita ad un ideale perso in partenza non è razionale.

Quindi promuovo un’idea, una sensazione: le sentinelle in piedi sono organizzate dalla lobby gay.

Non può essere diversamente.

Più le sentinelle scendono in piazza più dall’altra parte della barricata le piazze si trasformano, i colori si elevano e la canzoni aumentano il volume.verona2

I Pastafariani sono usciti dalle loro cucine e hanno invaso le piazze, hanno urlato, cantato, mangiato e bevuto.

Si sono semplicemente abbracciati dimostrando a tutti di essere i più belli.

Nessuno ci ha pagato, nessuno ci ha spinto, nessuno ci ha appoggiato politicamente. Nessuno ci ha detto che non si poteva fare.

Noi però l’abbiamo fatto: siamo scesi in piazza e vestiti da pirati abbiamo elevato il nostro Scolapasta, perché: chi getta i semi al vento farà fiorire il cielo.

 

 

 

 

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail