colored-pasta

LO SPIRIT DAY

AAAHHHHRRR frittell* e buono Spirit Day a tutti!

Per i pirati meno esperti ottobre è un mese pieno di ricorrenze per la comunità LGBTQ: oltre che essere il mese della storia LGBTQ (attenendoci al calendario americano per festeggiare assieme al nostro amato Bobby Henderson), è anche il mese in cui cadono il Coming Out Day, la Ally Week e lo Spirit Day (15 ottobre).

 

Oggi ci si veste di viola (che rappresenta lo spirito della bandiera LGBTQ) per incoraggiare le vittime di bullismo della comunità LGBTQ a resistere e denunciare tutti gli atti subiti e commemorare tutti coloro che sfortunatamente oggi non sono più con noi.

 

Lo Spirit Day nasce nel 2010 grazie a Brittany McMillan, una teenager canadese che, attraverso il suo Tumblr, chiese alla rete di vestirsi di viola  in onore delle vittime omosessuali che si tolsero la vita in quelle ultime settimane – molti di loro a causa degli abusi omofobi subiti a casa o a scuola.

Il suo messaggio si diffuse tanto rapidamente grazie ai social network da riuscire a raccogliere quasi 2 milioni di partecipanti all’evento creato su Facebook.

Da allora ogni anno, a ottobre, viene festeggiato lo Spirit Day vestendosi di viola (o colorando di viola i propri profili in rete), per ricordare le vittime del bullismo omofobico.

 

E ovviamente anche noi pastafariani non possiamo assolutamente astenerci dal commemorare e festeggiare questa giornata!

Quindi all’arrembaggio miei prodi Pirati e Piratesse: tinteggiate di glorioso viola prue e poppe (lascio libera l’interpretazione di quest’ultime) dei vostri vascelli e galeoni, donate un piccolo grazioso scolapasta viola al vostro fedele pappagallo da spalla e, per l’amor di Mike, non chiudete gli occhi.

Non lasciatevi mettere i piedi in testa. Da nessuno. Mai.

Il Pastafarianesimo si è da sempre dichiarato per la parità dei diritti anche per la comunità LGBTQ, e non smetterà mai di lottare finché ci sarà chi aggredirà per strada la coppietta di innamorati che si tiene per mano, chi è convinto che l’omosessualità sia una malattia, e tutti coloro che sono persuasi dal fatto che un pallino blu ed uno giallo omosessualizzeranno la società.

 

maxresdefaultOltre a dichiararci per la parità dei diritti ci siamo anche mobilitati nell’organizzazione delle “Tagliatelle in piedi”, che ci teniamo a ripetere non essere una contro-manifestazione delle Sentinelle in piedi, quanto piuttosto una co-manifestazione; anche noi infatti ci riuniamo nelle piazze insieme a loro, in teglie di preghiera per difendere i diritti della nostra famiglia tradizionale, che è però, contrariamente alla loro, formata da N persone di M generi ed O orientamenti sessuali, che si amano e desiderano stare insieme come nucleo familiare.

 

Piccola parentesi: se tu, caro lettore, dovessi sfortunatamente ritrovarti nei panni della vittima di bullismo omofobico, non chiuderti in te stesso, ma parlane con i tuoi familiari o con uno dei molti sportelli di ascolto presenti in italia.

Dopo tutto siamo Pirati, il silenzio non fa per noi!

 

Invitiamo quindi tutti i nostri Pirati, gli amici simpatizzanti ed i curiosi ad unirsi a noi in preghiera con un buon piatto di pasta in una mano ed una bella birra ghiacciata nell’altra per le prossime Tagliatelle, perché come ricordano anche i nostri Spanti Condimenti, mangia, e solo dopo prenditela con gli stronzi.

Ramen!

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail