image

Indovina chi sviene a cena. Delizie italiane in scatola

Con questo articolo si inaugura la rubrica “Indovina chi sviene a cena”, un viaggio sul cibo italiano venduto all’estero. Recensioni di prelibatezze in scatola da capogiro.

All’incirca mezzo milione di anni fa, alcuni ominidi ispirati dalle sugose appendici del Prodigioso Spaghetto Volante, buttarono sul fuoco la carne cacciata. Forse per caso, oppure per scaldarla o per renderla più tenera, fatto sta che da allora non c’è stato limite al progresso dell’arte culinaria.
I doni del Prodigioso non hanno mai smesso di moltiplicarsi e, tra questi, il più prezioso e sacro: la pasta, forma ed essenza della divinità stessa.
Innumerevoli sono i luoghi in cui oggi si preparano e si gustano i piatti a base di pasta e ogni regione ha sviluppato una propria cultura gastronomica con propri tratti peculiari.
Alcuni piatti sono famosi nel mondo intero e di conseguenza vengono preparati a tutte le latitudini. I ristoranti giapponesi, cinesi, italiani e innumerevoli altri, sono ambasciatori nel mondo (con risultati altalenanti) di una cultura che si é sviluppata nell’arco di centinaia di anni e viene riproposta fuori dal paese d’origine.
Facendo un paragone, è come un dipinto che posso ritrovare in un museo, ma é frutto di una cultura lontana e completamente estranea al luogo che lo ospita.
Anche molte opere d’arte sono talmente conosciute da diventare un’icona di un intero periodo storico e veicolare così l’immagine della cultura che le ha partorite. L’esempio più celebre é la Gioconda di Leonardo: tutti la conoscono, ma solo una piccola parte di persone si é soffermata davanti a quel piccolo (e piuttosto insignificante) ritratto che nel mondo viene considerato l’emblema del Rinascimento italiano.
É talmente famosa che Marchel Duchamp ha potuto disegnarle i baffi e, nonostante tutto, é rimasta “La Gioconda”. Solo per citare gli esempi più illustri, Salvador Dali, Andy Warhol, Basquiat, Keith Haring, sono tutti intervenuti sul dipinto di Leonardo, ma nonostante questo, la Gioconda é sempre riconoscibile nelle loro opere.

image
Allo stesso modo alcune ricette tipicamente italiane sono divenute famose nel mondo e chi non ha la possibilità di gustarle in loco si affida ai ristoranti o alla grande distribuzione. Questi piatti, lungi dall’essere unici e immutabili anche sul nostro territorio, sono stati riprodotti con enormi varianti, spesso utilizzando ingredienti diversi, più economici, facili da lavorare e da conservare. Sono così nate tutte quelle preparazioni in busta, in scatola o in lattina, pronte da scaldare, che promettono un assaggio di cucina italiana. Le ricette con un’identitá propria come la carbonara, la “bolognese”, le lasagne, solo per citarne alcune, sono state riviste e (s)corrette, pur mantenendo sempre il proprio nome.
In questa rubrica verranno selezionate alcune preparazioni commercializzate come specialità italiane, soprattutto all’estero, per essere assaggiate e recensite. Non si tratta di decidere cosa é migliore o peggiore, del gusto o delle scelte individuali, ma di sapere cogliere le differenze.
Hai appeso in casa una fotocopia di una foto fatta a un poster della Gioconda? Se ti piace, Niente da dire. Se peró pensi che in fondo non sia così diversa dall’originale… Beh, parliamone.

Nota di redazione: se qualche lettore volesse contribuire procurandomi un piatto pronto da assaggiare e recensire gliene sarei enormemente riconoscente.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail