Costolette di maiale alla birra con patate

È noto che uno dei libri comici più sottovalutati della cultura occidentale, narra di un Dio che sottrae una costola al primo uomo per creare la sua corrispondente femminile. Senza nulla togliere a questo mirabile miracolo dell’ingegneria genetica, il Prodigioso Spaghetto Volante potrebbe addirittura fare di meglio, ma, siccome raramente è cosciente e comunque non ne avrebbe molta voglia, noi suoi seguaci potremmo cercare almeno di emulare tali gesta.

(altro…)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Approfondisci

Gli gnocchi di patate: quando il Prodigioso si rivela in una delle sue amorevoli forme

IMG_20151108_102619

AAARRRHHH!! confrittelli pirati!

Se le ultime scorrerie corsare vi hanno stremato, ma soprattutto, vi hanno lasciato in uncino all posto della mano e una benda sull’occhio, da bravi pastafariani la prima preoccupazione sarà stata “Adesso come farò a tirare la sfoglia con il mattarello? Il prodigioso si adirerà con me come un iroso Dio del vecchio testamento visto che non potrò più pregarlo adeguatamente?”.

(altro…)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Approfondisci

Bigoli in salsa. Quando il cammino della fede è irto di ostacoli

Alzi la mano chi di voi è un pirata fuori sede! Uno di quelli a cui il coinquilino ha finito anche l’ultimo yogurt magro e il frigo è talmente vuoto che quando gli si appoggia l’orecchio contro si sente il mare. Sono momenti come questo in cui si vede di che pasta siamo fatti e la fede nel Prodigioso Spaghetto Volante deve rimanere salda come una roccia.

 

(altro…)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Approfondisci

La sublime Amatriciana, preghiera del fedele pastafariano

 

Se ci sono monumenti della gastronomia italiana, uno di questi è l’amatriciana. Per un pastafariano questo piatto rappresenta una delle più alte forme di preghiera. L’idea stessa del trascendente che si fa immanente davanti al propri occhi e innalza lo spirito quando viene a contatto con il palato. Arrotolare gli spaghetti con la forchetta è un mantra e se il sugo profumato vi unge il mento durante il risucchio, si può raggiungere l’estasi.
Ma liberiamo subito le vostre alcoliche menti piratesche (altro…)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Approfondisci

Orecchiette alle cime di rapa

IMG_20150327_213811

Questo piatto é nato anticamente come metafora religiosa di uno dei pilastri che reggono il rapporto tra la divinitá e il fedele: l’ascolto delle preghiere e delle invocazioni.
Se gli dei in generale, e il Prodigioso in particolare, amano poco parlare con i propri adepti (a parte rari casi, di solito curabili con una buona dose di antipsicotici) di certo gli viene assegnato il compito di ascoltare le richieste dei fedeli. Le orecchiette dimostrano in modo inconvertibile che il Prodigioso é dotato di un finissimo senso dell’udito: Esso ci sente benissimo, ma semplicemente, di solito, non ascolta.
Questo piatto cerca di ovviare alla triste realtà, nella convinzione che tante più orecchiette ci sono nel piatto, tanto più semplice sarà la comunicazione con il divino. (altro…)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Approfondisci

Timballo di maccheroni (alla ferrarese)

I timballi sono un piatto sontuoso, degno delle feste comandate in cui si deve rendere omaggio IMG_20150306_193644al prodigioso e stupire parenti e amici. 
Questa é una versione piuttosto antica di un timballo (o pasticcio) di maccheroni di tradizione ferrarese: la particolarità é data dalla crosta di pasta frolla dolce, una sorta di biscotto friabile che avvolge una montagna di maccheroni fumanti. Il contrasto dolce-salato é esaltato dal ragú profumato dai fegatini di pollo (fidatevi, danno una marcia in più equilibrando il sapore del ripieno) e dai porcini essiccati. L’amalgama di sapori riporta a una ricchezza antica, al piatto della festa di secoli passati, un contrasto che la cucina moderna ha dimenticato, ma il nostro palato riscopre sempre volentieri.
Insomma se dovete fare una dichiarazione d’amore a qualcuno, fatelo con questo timballo, ma non nascondeteci l’anello di fidanzamento dentro perché non lo trovereste più. Inoltre non avrete problemi con la presentazione perché fa sempre una bellissima figura quando lo si taglia direttamente in tavola. Più di cosí c’è solo il timballo di tortellini che peró mi vede contrario per motivi di aderenza all’ortodossia pastafariana.
Sappiate che la preparazione é piuttosto lunga, anche se semplice, per cui contate di dedicarci almeno 3 ore. (altro…)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Approfondisci

Linguine alle vongole

Io lo so. So che vi aggirate indecisi tra gli scaffali dei surgelati e nella vostra testa si forma un pensiero “Massí, sgusciate sono pure più comode, poi le tengo in freezer e le faccio quando voglio”. Allungate la manina per afferrare la gelida confezione, la riponete nel carrello, ma non vi accorgete che così fate piangere il Prodigioso. Non si fanno gli spaghetti alle vongole con le vongole surgelate! Dovete redimervi, peccatori! Penitenziagite!!

image

A meno che voi non vogliate essere gli ultimi della fila per raggiungere il grande vulcano di birra, dovrete seguire questi pochi consigli che, indegnamente, vi offro. (altro…)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Approfondisci

Paccheri gamberi, pomodorini e avocado

AAARRRHHH! Frittelli pirati! Se a bordo della vostra galera corsara state costeggiando le rive del Sud America in cerca di prede da saccheggiare e siete stanchi delle solite gallette vi consiglio di fare razzia nel più vicino villaggio per procurarvi un avocado, dei pomodorini e qualche gambero in attesa che all’orizzonte si profili un mercantile genovese carico di paccheri…

IMG_20150111_150341 (altro…)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Approfondisci

Tagliatelle al forno con porcini, salsiccia e uova di quaglia ricoperte da besciamella ai formaggi.

Piatto estremamente ricco, di quelli che piacciono al Prodigioso (sempre sia gustato), indicato d’inverno, stupefacente a Ferragosto.
Un consiglio: se potete, cucinate questo piatto in casa di altri (parenti o amici che vi stanno moderatamente antipatici) i commensali saranno soddisfatti e si dimenticheranno che avete ridotto la cucina peggio di Stalingrado nel ’43.

IMG_20141231_114658

Ingredienti per 4 persone:

500 gr di tagliatelle all’uovo (meglio se a sfoglia spessa)
400 gr di salsiccia fresca
400 gr di funghi porcini (freschi o surgelati)
2 spicchi d’aglio
Un mazzetto di prezzemolo
50 gr di burro
12 uova di quaglia
Sale e pepe

Per la besciamella ai formaggi:
70 cl di latte fresco (più un bicchiere da tenere a parte)
70 gr di burro (più qualche fiocchetto per decorare)
70 gr di farina
Una grattatina di noce moscata
200 gr di emmental
200 gr di brie
200 gr di gorgonzola
100 gr di parmigiano grattugiato

(altro…)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Approfondisci